Bob Noorda / Milano
Appreciate & Collect
Che Bob Noorda sia uno dei grafici italiani più famosi al mondo non è una novità, e non è una novità nemmeno che la grafica italiana abbia insegnato molto a livello internazionale; si è appena conclusa infatti in Triennale un'intera mostra dedicata ad essa: la quinta edizione del Triennale Design Museum. Ma Noorda non era solo un grafico, non era solo un designer della comunicazione, quando arrivi a progettare un sistema di comunicazione valido per tutto il mondo il tuo dono non è solo quello di saper comunicare, ma è anche quello di insegnare a culture completamente diverse fra loro quanto siano fondamentalmente vicine, capaci di parlare tutte una stessa lingua, uno stesso alfabeto. Quando nel 1964 gli venne assegnato il premio Compasso d'Oro per la segnaletica della Metropolitana di Milano, l'Italia e il mondo erano di fronte a una mente comunicativa senza precedenti. Lo studio non era solo puramente identificativo e comunicativo, perché i simboli, quei messaggi che il passeggero cerca disperatamente in mezzo alla folla per orientarsi, sono proprio dove li si cerca istintivamente, e chiari come fossero parole scritte nella stessa lingua di colui che li legge. Per questo illustrazioni come l'uscita di sicurezza, il classico omino su sfondo verde che si dirige verso la porta bianca sono diventati universali, per questo la scelta di mettere il nome della stazione ogni cinque metri ad un'altezza studiata appositamente per essere vista dai passeggeri ancora seduti nel metrò è stata ripresa da tantissime metropolitane del mondo, prima fra tutti quella di Montréal ma anche New York e San Paolo.
Magazines
Ignite
Liqen
L’ITALIA CI GUARDIA
20th Century Italian Tables
Xavier Antin: Printing at Home
72 dpi
BASILE ARTECO "Monoblocco" design Donata Paruccini
BASILE ARTECO
BASILE ARTECO "Falce/Scythe" design anonimo
BASILE ARTECO "Ferro/D" design Enzo Mari
BASILE ARTECO "Ferro/A" design Enzo Mari
BASILE ARTECO "Ferro/B" design Enzo Mari
BASILE ARTECO "Ferro/C" design Enzo Mari
BASILE ARTECO "L´Utopia" design Enzo Mari
BASILE ARTECO "Monoblocco/L" design Donata Paruccini
BASILE ARTECO "Coquetier" design Paolo Ulian
Áron Jancsó
DADAMAINO
Sketching: Bellini, Castiglioni, Colombo, Mari, Magistretti, Munari, Ponti, Sottsass
AG Frozoni: We need to aim at essential things
Andrea Guccini: 4A+1
Julien Notter and Sébastien Vigne
Erwin Poell: Naturwissenschaft + Technik
E. Hu
Radiofonografo RR126
George Sowden
Angelo Mangiarotti
Carlo Mollino: Tables and Chairs
Opie
Make War, Not Love
Alessio Bassan
The Many Sides of the Moon
Antonio Rubino
"I’m an outsider"
Sadamitsu Neil Fujita
L´Imparfaite by VLF
Symphonie
Life Is Electric. Philippe Weisbecker
The 2015 best of penccil
Hasui Kawase 川瀬 巴水
France 1661
HORT
Erik Nitsche
What You Think You Know
ON EARTH AS IT IS IN HEAVEN
Sweets by 若杉 智也
Behind the walls
Lo Zuavo Scomparso
Spin it
Ink kisses paper
RGB Studio
Antonio Sant´Elia: The house of concrete, glass and steel
Abitazione IPES ad Appiano
Allestimento del museo Palais Mamming
Studio BAAG
Gio Ponti, Architetto
長嶋りかこ Rikako Nagashima グラフィックデザイナー Founder / Graphic designer
邵 年 Shao Nian
Nikolai Lutohin
Shin Dokho
you might like
The Venice Pavillon
Bodhi forest
Generative Traffic
Cognition
DNA Paris Design Awards
Writing & Design
Writing & Design
Writing & Design
Writing & Design
Writing & Design
Exiled from Truth: Nine Allegories by Dmitry Borshch
4 second spaceship
The Joys of Ice Skating
GIFolio
Cutting the edges
The pattern of You
Maurice Binder
Neverending Graphics
Le Drugstore Brand Identity
Coffee maker
FASHION ADVERTISING
ILLUSTRATION
Vico Magistretti
Book : Monk
Book : Tajima
Book : Lewitt
Book : Baldessari
Book : Armleder
Book : Mullican
Book : Weiner
Book : Cattelan
Book : Brannon
Gaetano Pesce: Abstraction is boring
Chromatic seating
The Menu
What Is A Simulation?
Unique
Books of Memory: Gianpaolo Pagni
Memphis Posters
Groupe Garcia Ingénierie
Akiko Masunaga
Joe Colombo: Total Furnishing Unit
Management 7
Carlo Scarpa: Sketch and Work
E=C=L=I=P=S=E
Tom Ngo
Sislej Xhafa
Future Architecture
Superstudio, Superproduction, Superconsumption
Visual Music